Quando la violenza contro una donna diventa caccia-social al video porno

Ogni settimana vi proponiamo un intervento a cura della redazione di Giulia ((giornaliste unite libere autonome),  libera associazione di donne giornaliste il cui intento è difendere la democrazia e la libertà di informazione.

 

 

Per le femministe dare un nome alla vittima umanizza la storia. Per i maschilisti è occasione d’odio. Un’inchiesta americana su due casi spagnoli. E in Italia… [di Paola Rizzi]

 

leggi l’articolo sul sito di Giulia